liberaMente

Icona

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.

Ripresa lavori

Dopo un fine settimana lungo come questo ci vorrebbe una settimana di vacanza per riprendersi!
Inutile dire che sono stata benissimo la notte del 31 e anche dopo…

dscn4056.jpg

Ci siamo divertiti come i matti…(ma perchè? I matti si divertono??? 😕 )
Abbiamo (come previsto) mangiato ogni ben di Dio…

dscn4061.jpg

Senza perdere la leggerezza necessaria per “volare” sulle nostre scope!

dscn4085.jpg

…O per suonare fino alla mattina…

dscn4123.jpg
…e Ballare intorno al fuoco…

dscn4069.jpg

Insomma…se passate dalla ciociaria…sapete che non sbagliate!!!!!

Archiviato in:arte, cazzate, ciociaria, friends, Funghetti Allucinogeni, ghost, gioia, mondo, musica, patricia

…anni e bicchieri di vino non si contano…

dscn3189.jpg 

Ecco….la testimonianza che NOI* c’eravamo…che siamo stati bene…che ci siamo divertiti….
E tanto…!!!!
😉

*in alto a sx: Laura, Patricia, Silvia, Nico, Gaetano, Andrea, Beatrice
in basso a sx: Irina, Gioia, Alessia 

Archiviato in:bilanci, ciociaria, felicità, gioia, musica, patricia

…effetto vitamina…

Si..l’arancione, per chi ha avuto una leggera infarinatura di cromoterapia, ha un effetto vitaminico su chi lo indossa.
Detto, fatto.
Questa mattina nessun dubbio nello scegliere i vestiti…sembro una gitana in festa…gonna a ruota con sfondo marrone e stampe dorate ed aracio, canotta arancio, cinturone di cuoio e sandalini arancio bassi bassi….un caschetto di riccioli ribelli…e….
“…baila baila baila….baila baila baila me, este rumba a ta gitana que yo siempre cantare…
Pero yo siempre cantare, pero yo siempre cantare, este rumba a ta gitana, que yo siempre cantare….”

Archiviato in:come si chiama?, Funghetti Allucinogeni, musica, patricia

point of view…

“Scrivilo sui muri se vorrai qualcuno un giorno accanto a te…
E non importa se sarà il migliore…
perchè,
La vita non è facile, ma a volte basta un complice,
e tutto è già più semplice!”

Lui* lo ha cantato…e io lo penso.

*(Vasco Rossi, ndr)

Archiviato in:amore, Funghetti Allucinogeni, musica, patricia, poesia

…per caso…

Testo trovato per caso nella rete mantre cercavo tutt’altro.
Mi ha riportato alla mente tanti ricordi, di quando, alle medie e anche un po’ al liceo…”cantavo le mie canzoni e scrivevo i testi sul diario, per sentirli veri, e proprio nell’ora di religione, quando tutto il mondo sembra buono, anche il professore”…io sognavo e mi perdevo gran parte della lezione…e meno male.

“Non mi interessa sapere…”

Non mi interessa sapere qual è il tuo mestiere:
voglio sapere per che cosa si strugge il tuo cuore e se hai il coraggio di sognare l’incontro con ciò che esso desidera.

Non mi interessa sapere quanti anni tu abbia:
voglio sapere se correrai il rischio di fare la figura del pazzo per amore, per il tuo sogno, per l’avventura di essere vivo.

Non mi interessa sapere quali pianeti quadrano con la tua luna:
voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dolore, se le difficoltà della vita ti hanno portato ad aprirti oppure…… a chiuderti in te stesso, nel timore di soffrire ancora!
Voglio sapere se sei capace di stare nel DOLORE, tuo o mio, senza far nulla per nasconderlo o allontanarlo o cristallizzarlo.
Voglio sapere se sei capace di stare nella GIOIA, tua e mia; se puoi scatenarti nella danza e lasciare che l’estasi ti pervada sino alla punta dei piedi o delle mani, senza esortarci ad essere prudenti, realisti o consapevoli dei limiti umani.

Non mi interessa sapere se la storia che mi racconti è vera:
voglio sapere se sei capace di deludere un altro per restare fedele a te stesso e di non tradire mai la tua anima, a costo di lasciare che gli altri ti chiamino traditore.
Voglio sapere se puoi essere di parola e quindi degno di fiducia.
Voglio sapere se sei capace di trovare la bellezza anche nei giorni in cui il sole non splende e se puoi dare inizio alla tua vita sulle sponde di un lago, gridando SI’ al bagliore d’argento della luna piena.

Non mi interessa sapere dove vivi, né quanto denaro possiedi:
voglio sapere se dopo una notte disperata di pianto sei capace di alzarti, così come sei, sfinito e con l’anima ricoperta di lividi, per metterti a fare quello che c’è da fare per i bambini.

Non mi interessa sapere chi conosci né come ti trovi qui:
voglio sapere se starai in piedi con me, al centro del fuoco, senza tirarti indietro.

Non mi interessa sapere che cosa hai studiato né con chi e neppure dove:
voglio sapere che cosa ti sostiene da dentro, quando tutto il resto ti viene a mancare.
Voglio sapere se puoi stare da solo con te stesso e se la tua stessa compagnia ti piace veramente, nei momenti di vuoto.
Voglio sapere di TE.

(Mountain Dreamer, Indian Elder)

Archiviato in:Funghetti Allucinogeni, musica, patricia, poesia

…scappo…

Non per molto…solo che la mia giornata lavorativa volge al termine…ed io…”mi ritiro per deliberare”…satcco un po’…almeno fino a domattina…
Un solo ultimo pensiero…tornando a casa per pranzo, in macchina…ho ascoltato bene una canzoncina che vi giro volentieri…non che loro siano il mio gruppo preferito, no…non che la canzone mi piaccia fino allo spasmo, no…solo che…diciamo…era particolarmente calzante con i miei pensieri…piccola alchimia con la radio…tutto qui.

“Se… se chiudo gli occhi e penso a te è come volare sugli alberi
sapendo che più in alto andrò…più bello sarà raggiungerti
raggiungerti nei sogni miei e anche in tutti quelli tuoi
dove potrò rincorrerti in ampi spazi senza pericoli

Perdonami mio amore, ma la storia è semplice
basterebbe improvvisare un ritorno all’origine
le gioie del mio cuore si infrangono così
come onde di dolore spesso poi mi risucchiano

Ma se…se canto oggi c’è un perchè
perchè vorrei che fossi qui che fossi qui accanto a me
in questa notte così piccola la notte stretta su di me
che non mi basta mai perchè vorrei nutrirmi sempre più
dei tuoi sussurri come musica

Se…se tutto il giorno penso a te e non è il tempo a dire che
fa sempre male stare qui a scrivere spiegandomi…
spiegandomi perchè c’è in me una condanna a forma di me, spirale, vortice
che fa della mia vita sempre e solo un SE…”

Le Vibrazioni – SE –

…see u tomorrow…

Archiviato in:amore, mondo, musica, patricia, poesia

…wouldn’t it be nice if we were older…

Ieri sera, per la centesima volta, ho rivisto uno di quei film, grandiosi che riescono a farmi sorridere e commuovere contemporaneamente….ogni tanto mi parte la vena iper romantica, che ci posso fare?!?!?!

Era la serata adatta per lasciarmi andare a svenimenti sentimentali del tipo testa sul cuscino a cuore, orsetto della mia età sotto il braccio, divano, copertina di morbido pile con le nuvolette disegnate , camomilla doppia che rincoglionisce pure i sassi, voglia di coccole a livelli di crisi di astinenza, lacrimuccia che scivola silenziosa regolarmente in una precisa scena del film….e vai con i Beach Boys!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

.

.

.

.

.

.

Wouldn’t it be nice if we were older, then we wouldn’t have to wait so long?

And wouldn’t it be nice to live together, in the kind of world where we belong?

You know its gonna make it that much better, when we can say goodnight and stay together!

Wouldn’it be nice if we could wake up, in the morning when the day is new?

And after having spent the day together hold each other close the whole night through!

Happy times together we’ve been spending…I wish that every kiss was neverending…wouldn’t it be nice?

Maybe if we think, and wish, and hope, and pray it might come true…baby then there wouldn’t be a single thing we couldn’t do…we could be married…and then we’d be happy!Wouldn’t it be nice…?

.

.

.

E se…poi pochi istanti prima di chiudere gli occhi…ti viene fatta una promessa (di quelle che o non si fanno, o se si fanno….uhm…che paura)….embè…come la mettiamo?!?!?!?!

Archiviato in:amore, felicità, home sweet home, musica, patricia, poesia, sogni

…zum zum zum…

Sarà capitato anche a voi,di avere una musica in testa, sentire una specie di orchestra
suonare suonare suonare suonare, zum zum zum zum zum zum zum zum zum….
Da qualche giorno non riesco a togliermi una canzone dalla testa…per l’esattezza da venerdi sera…l’avevo sentita tante di quelle volte…eppure mai ascoltata per bene…

“C’è un mistero che non lo so, quando ti vedo che cos’ho..
sento tremare lo stomaco..qualcosa di profondo sai…
mi fa andar fuori di testa, fuori di me..
Io non capisco senza di te… (Oh no!?)
Il mondo che cos’è?
Ho camminato per strade sai
Ho fatto cose che non dovrei
Ho visto cose fantastiche
Ho avuto donne bellissime
Nessuna ha mai chiarito se
Il mondo è vero senza di te… (Oh no?)
Io credo di no!
Standing ovation
Standing ovation per te!
Standing ovation
ovation for you!
Ho passeggiato nel buio sai
ho vinto tutto e ho riperso poi
Ho visto cose fantastiche
Ho avuto donne bellissime
Nessuna ha mai chiarito se
Il mondo è vero senza di te… (Oh no?)
Io credo di no!

Standing ovation
Standing ovation per te
Standing ovation
Ovation for you!
Standing ovation
Standing ovation per te
Standing ovation
Ovation for you

Ti ho mandato un messaggio ieri sera
é sulla segreteria telefonica
sono dei fiori
No Ti ho pensato molto stamattina
Quando ho visto nascere il sole
Ti ho mandato subito un messaggino

Era:
per te vorrei essere migliore…”

Archiviato in:amore, felicità, musica, patricia, poesia, toscana

……AMOR/ROMA……

Ultimo giorno a Roma….ultimo da residente…ho appena attraversato una crisi di pianto…durata ore, e ore e ore…interminabili…di dolore, per il distacco che non avrei mai immaginato di provare…per esprimerlo, qui sotto il testo di una canzone d’amore di Vinicio Capossela…ho amato questa città, mi sono sentita accolta, amata, sua figlia, a volte anche ripudiata…inghiottita e poi sputata…coccolata e accarezzata…che strano tipo di amore questo….eppure…vado via…ma non è l’amore che se ne va… 

Vai vai…tanto non è l’amore che va via…
Vai vai…l’amore resta sveglio anche se è tardi e piove
ma vai tu vai…rimangono candele e vino e lampi sulla strada per Destino…

Vai vai…conosco queste sere senza te
lo so, lo sai…il silenzio fa il rumore dei tuoi passi andati
ma vai, tu vai…conosco le mie lettere d’amore
e il gusto amaro del mattino.

Ma non è l’amore che va via… il tempo sì…
ci ruba e poi ci asciuga il cuor…sorridimi ancor
non ho più niente da aspettar, soltanto il petto da uccello di te…
soltanto un sonno di quiete domani…
Lo so lo sai…immaginare come un cieco e poi inciampare in due parole… a che serve poi parlare per spiegare?                                               e intanto, intanto noi corriamo sopra un filo, una stagione,
un’inquietudine sottile…

Archiviato in:amore, bilanci, dark side, home sweet home, mondo, musica, partenze e ritorni, patricia, roma, Skazzi, sogni