liberaMente

Icona

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.

Non chiedetemi perchè e per come!

E alla fine mi sono presa la mia pausa di riflessione. Dal mondo del web, si intende.
Da queste parti sono sul play, accelerato, il tasto pause si è scassato già da tempo.
Il periodo non è rosa. Se dovessi definirlo con un colore credo adotterei il marrone.
Quello della merda.
Ma tant’è: qua stiamo e cerchiamo di starci al meglio.
Il bello è che gli oroscopazzi mi dicono (testuali parole!) “la svolta è dietro l’angolo, cambierà tutto in positivo
e non avrai tempo di ricordare le tempeste”. E me lo dicono da dicembre.
Sarà che neppure la primavera è ancora arrivata.
È passato il mio compleanno, sottotono.
È passata la Pasqua, sottotono.
Non vorrei che passassero anche ferragosto e Natale prossimi sottotono, perché…che palle!

Comunque. Sono viva.
Sono solo impicciata a districare il bandolo della matassa.
Se non fosse per sto maledetto gatto che me la incasina sempre di più.

Archiviato in:cose da pazza, metereopatia, mondo, patricia, Problemi, reflection

Comunicazione di servizio

Ogni tanto, dal governo, qualche buona notizia può anche arrivare!
Non lasciamocela scappare!

Archiviato in:annunci, mondo, studio e lavoro

Ripresa lavori

Dopo un fine settimana lungo come questo ci vorrebbe una settimana di vacanza per riprendersi!
Inutile dire che sono stata benissimo la notte del 31 e anche dopo…

dscn4056.jpg

Ci siamo divertiti come i matti…(ma perchè? I matti si divertono??? 😕 )
Abbiamo (come previsto) mangiato ogni ben di Dio…

dscn4061.jpg

Senza perdere la leggerezza necessaria per “volare” sulle nostre scope!

dscn4085.jpg

…O per suonare fino alla mattina…

dscn4123.jpg
…e Ballare intorno al fuoco…

dscn4069.jpg

Insomma…se passate dalla ciociaria…sapete che non sbagliate!!!!!

Archiviato in:arte, cazzate, ciociaria, friends, Funghetti Allucinogeni, ghost, gioia, mondo, musica, patricia

…look at what have you said…

Piccolo dilemma:
Se oltre a non darti una lira, il tuo datore di lavoro e la sua organizzazione, ti fanno perdere la faccia in pubblico, perchè le informazioni che devi fornire alla bellezza di 194 utenti di fronte a te, sono errate/confuse/precarie e soprattutto mutevoli come il cielo di marzo, come si fa a mantenere la calma?

Piccolo dilemma 2:
Come evitare di essere linciata e/o insultata da circa 194 persone (incazzate e a ragione)?

Piccolo dilemma 3:
Ma non era meglio morire da piccoli che vedere sto schifo da grandi?

ah….
Sono tornata!!!!!!!!!!!!!

Archiviato in:come si chiama?, Funghetti Allucinogeni, mondo, patricia, Problemi, roma, Skazzi, studio e lavoro

Io vorrei/non vorrei

Non so neppure se sia il caso di scrivere determinate cose visto che non ho mai reso anonima la mia identità, i miei lavori, la mia famiglia e i miei amori. 
Insomma, sono rintracciabilissima da chi mi conosce, e conoscibilissima da chi in qualche modo mi rintraccia.
E allora ho pensato che forse non dovrei pubblicare e scrivere determinate cose che coinvolgono altre persone che fanno parte della mia vita…soprattutto a livello lavorativo…ma…
Ma non posso stare zitta.
Non posso tacere.
Non sopporto le contraddizioni.
Quello che ho imparato e continuo ad imparare sul campo, grazie alle persone che chiamo “capi”, non ha prezzo, certo.
Mi servono oggi, e mi serviranno domani per i progetti che ho in mente e anche un po’ in tasca.
Sto costruendo il mio futuro.
E sono pienamente consapevole che la gavetta è dura per tutti, nessuno escluso.
Ma io, che ci sto dentro, ci leggo una contraddizione… 
Non posso lavorare, studiare e fare ricerche, cercare soluzioni per contrastare il lavoro nero quando IO sono un lavoratore in nero.
Ecco, l’ho detto.

Riflessione nata, anche, grazie a questo.

Archiviato in:bilanci, delusione, malanni, mondo, patricia, Skazzi, studio e lavoro

Questo è il mio pensiero…

Non ci siamo parlate molto durante questo fine settimana insieme a goderci gli ultimi scampoli d’estate.
Ma ci siamo capite perchè per fortuna ci basta poco per leggerci.
E mi perdonerà sicuramente, lei, se cerco di dare la massima risonanza alle sue parole.
Perchè quando un pensiero è universale (come credo sia questo), và reso patrimonio pubblico.

E nel mio piccolo…contribuisco alla causa…

Leggete e meditatene tutti.

 

Archiviato in:come si chiama?, friends, gioia, mondo, partenze e ritorni, patricia, vacanze

4 luglio 2007

Esattamente sette anni fa ero in uno stato fisico e mentale a dir poco esaltante: di mattina avevo fatto gli orali degli esami di maturità, andati bene, giornata al mare con le amiche di sempre, nulla da perdere e tanto, tutto da aspettarmi dalla vita. Dopo pochi mesi, c’è stato il trasferimento a Roma, nuova vita, nuova gente, qualche altra amicizia, poche davvero importanti, un nuovo amore, e probabilmente una nuova persona, me, con cui fare i conti un po’ alla volta.

Gli anni romani sono stati indimenticabili. Il senso di libertà, le espressioni di spaesamento davanti alla strada che avevo scelto di percorrere, i primi lavori per non chiedere i soldi a casa, le “veglie” con AlessiaSara&Antonella, la “clinica della sforsizia”, le passeggiate a San Lorenzo, le feste in casa di tutti e quasi tutte le sere, la prima sbronza, il brindisi alla “famiglia perfetta”, quell’anno senza acqua calda e l’anno dopo senza riscaldamento, le domeniche a villa Borghese, i concerti gratis, i viaggi interminabili in metropolitana, e poi piano piano un lavoretto serio, la fine degli esami, la laurea, il lavoro vero e proprio e…

…e ho lasciato Roma. Praticamente l’ho vissuta solo da spensierata studentessa universitaria, con tanti sogni nella testa e voglia di camminare nelle gambe. Per questo, ora che ci torno almeno tre volte a settimana per lavorare, e sento l’odore dell’asfalto e dello smog, sorrido complice con quel vaso di emozioni che è per me quella città. Ci cammino senza peso e prendo il bello e il brutto come in un all-inclusive di pregi e difetti di una persona di cui sei innamorata.

Oggi, stesso giorno di sette anni dopo, sono ancora innamorata di lei. Come quando ho dormito per la prima volta in una stanza in affitto. Come quando ho aperto la finestra e ho visto la tangenziale. Esattamente come quella domenica pomeriggio in cui ho salutato, da quella stessa finestra del quarto piano di un palazzo di via Lorenzo il Magnifico, mia madre che non mi guardava, per nascondere le lacrime per una figlia che era cresciuta.            

Archiviato in:amore, bilanci, mondo, partenze e ritorni, patricia, roma

…quotidianeità…

In questi giorni mi viene difficile fare tutto. Sarà il caldo, la stanchezza accumulata in un anno e mezzo di lavoro senza delle vere vacanze, o i pensieri rivolti ad alcune persone che mi circondano (e anche a me stessa…che mi circondo poco…ma mi sto proprio dentro…). Sarà…ma la notte sogno spiagge caraibiche, il mare cristallino, le serate a ballare sulla sabbia, i vestiti leggeri e bianchi, i riccioli che sanno di sale…e la spensieratezza che mi appartiene da sempre. 
Io non credo che la perdita, o il momentaneo abbandono, di questo magnifico stato mentale sia il passaggio verso l’età adulta. No. Credo solo che sia la nostra incapacità di affrontare in modo più materiale (e quindi effimero) le cose di tutti i giorni. Quando mi concentro su questo pensiero riesco a ridere dei problemi a lavoro, riesco a strizzare l’occhio alla collega acida e stronza (che secondo me sta a secco da troppo tempo! 😉 ), riesco a guardare oltre lo schermo del pc e a sognare incollata alla poltrona girevole. Per tutto il resto del tempo, no. E mi incazzo ancora di più perchè non penso prima alla caducità del quotidiano.
E mi tocca affogare tutti i dispiaceri in una coppa di vino.
Anzi…domani…facciamo due…

Archiviato in:mondo, patricia, studio e lavoro

…patricia’s lifeshot…

Andare o non andare a Francoforte?
Andare o non andare a Roma?
Andare o non andare a dormire?
Andare o non andare al mare?
Andare o non andare a lavoro?
Andare o non andare a vedere?
Andare o non andare a controllare?

Mandare o non mandare a fanculo?

p.s.: da leggere non necessariamente nell’ordine prestabilito.

Archiviato in:Funghetti Allucinogeni, mondo, patricia, Skazzi

Buona Pasqua


Vi auguro di trascorrela alla grande…
Io vorrei sparire per qualche giorno…
E invece.


Mi sfogherò con la cioccolata.

Senza l’agnellino.

Che lui non c’entra nulla, poverino.

Archiviato in:mondo, partenze e ritorni, patricia, Skazzi

Ci sono!!!

Eccomi qui. Uscita dall’ennesimo vortice lavorativo…sto per entrare in un altro…ma non mi avranno prima dell’undici di questo mese…ho diritto anch’io al respiro!!! O no???
E lo so che sono sparita con il mondo intero…e lo so che nessuno ha avuto più notizie…ma…
Era meglio così, perchè le notizie che avevo da dare non erano buone…
Sappiate solo che ho passato il venerdì sera, fuori da un ufficio postale…in compagnia della polizia…
Giuro che tornerò a risplendere. Solennemente, lo giuro.

Archiviato in:Funghetti Allucinogeni, mondo, partenze e ritorni, patricia, studio e lavoro

…e ora che si fa?!

Sola in ufficio (=zero controllo…e zero rompimentidipa***), un sole che illumina ogni cosa, musichetta blanda e tranquilla…ma come potrei riuscire a lavorare?
Sono sotto pressione per la consegna di un lavoro che mi sta portando via più tempo e più anima del previsto…e questo mi porta ad accusare il colpo, a sognare il lingua inglese, a voler andare a lavorare davvero nei campi…per questo sono sparita da tutto e da tutti…perchè ho bisogno, soprattutto in questo periodo della mia vita, di affrontare una cosa alla volta..e oggi ho deciso che affronto il sole.
Tiè.

Archiviato in:mondo, patricia, studio e lavoro

Ho capito…

…che una casa è bella quando è piena…di calore generato da un flusso di energia che parte dagli sguardi e confluisce negli abbracci…di persone che condividono uno spazio, un pensiero, un amore, una passione, una risata…e anche una lacrima trattenuta…profumo di “bene”…pulito…quasi trasparente…

è bello guardarvi ridere,scherzare,scambiarvi pensieriviteopinioni,esserci…

bello.

Archiviato in:ciociaria, come si chiama?, felicità, friends, gioia, home sweet home, mondo, patricia

…tesoriiiiiii….sono tornataaaaaa….

Mi sento un po’ GecNicolson in Sciaining…ma sono tornata davvero ad essere presente…cioè, presente qui…perchè presente lo sono semrpe stata…anche troppo…e infatti la voglia di staccare la spina e di “sparire” è solo aumentata…
Sono stata bene…il corso in Toscana è terminato e le ragazze sono state davvero deliziose…spero che tra un cazzeggio e una lezione seria, sia rimasto loro qualcosa di buono e di utile…io ce l’ho messa davvero tutta…
Domani festeggio con tutti i miei amici…serata che promette bene…spero solo di non essere cacciata dal nuovo condominio…ancora è presto…
Tornata al lavoro, a Roma, a Frosinone, agli aperitivi con le persone che conosco, ai miei genitori, alle serate in casa…e probabilmente anche un po’ alla realtà…
Dovrò farci i conti con questa realtà.
Prima o poi.

Archiviato in:bilanci, ciociaria, friends, home sweet home, mondo, partenze e ritorni, patricia, studio e lavoro, toscana

Oggi…8 marzo…

Bhe………Auguri Donne!!!!

Archiviato in:mondo, patricia, Problemi, Skazzi, studio e lavoro