liberaMente

Icona

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.

Wishin’ and hopin’…

Lentamente.
Tre passi avanti ed uno indietro.
Non si può avere fretta.
Ci vuole pazienza.
La stessa che abbiamo messo per arredare il terrazzo.
Ora c’è verde al terzo piano.
Si vede dalla strada.
Sentiamo il profumo dei fiori mangiando all’aperto.
Ho scoperto che pitturare e scartavetrare può avere i suoi risvolti positivi.
Non solo dolore ai muscoli.
Anche tranquillità.

Annunci

Archiviato in:home sweet home, patricia, tengo familia, vacanze

Want U back?

Da sempre temo i rientri. Soprattutto dopo una lontananza prolungata. Ci metto sempre troppo tempo a ripristinare il ciclo naturale delle cose della mia vita: dormire, mangiare, lavorare, uscire, lavare etc. Quando mi allontano, riesco a scombussolare tutto: non lavoro e regalo alle lista delle cose da fare, un ordine inverso, indirettamente proporzionale all’orario e direttamente proporzionale alla voglia. E’ il mio modo di staccare. Ci metto un secondo a disfarmi di abitudini e tabelle di marcia…e una settimana a ricomporre il puzzle del tran tran.

Manco esattamente da Natale. Mi sembra una vita fà. Ho messo su un chiletto in queste feste, ma solo perchè ero reduce da una terribile influenza e altre avversità varie…altrimenti sarebbero stati almeno 5 con buona pace della signora madre.

Per il Capodanno erano diverse le previsioni e le possibilità, alla fine l’imprevisto l’ha fatta da padrone: la mia dolce metà, carinamente ha provveduto a regalarmi una mise chic ma easy, con corredo di scarpette lucide e calzettine parigine…bene! Ho pensato…serata mondana…si…tra il salotto e il letto vista la sua febbrona da cavallo…intorno alla mezzanotte parlava con un cagnolino che secondo lui camminava sul soffitto…e mi chiedeva come mai le infermiere si vestono così eleganti…evvabbè…

Si parla di futuro, di progetti, perché è l’hobby di fineanno e di inizioanno. Io penso che quest’anno vorrei vedere almeno un posto che non ho mai visto, mangiare qualcosa che non ho mai mangiato e magari anche attaccarmi al piede una grossa palla di piombo che mi tiene con i piedi per terra e lo sguardo a portata di realtà…visto che viaggiando con la mente, riesco a farmi male anche trovandomi in una stanza ovattata e a prova di bambino: da queste feste ho rimediato un taglio profondo a causa di un pentolino da latte, un livido che contempla tutte le sfumature del viola e del blu cadendo su un panchettino di legno che è sempre stato nello stesso posto, e contusioni e botte e graffi e varie ed eventuali disgrazie che capitano ad una sbadata come me.

Ieri ho sfatto l’albero di Natale e provato casa mia di ogni addobbo rosso e dorato: per me le feste si sono concluse ieri sera, quando abbiamo chiuso l’ultimo cartone e portato in soffitta l’ultimo lustrino…arrivederci all’anno prossimo e speriamo che sia meglio di quest’anno passato.

Pensavo al mio 2007.

Avete presente le montagne russe? Bhè…moltiplicando curve, salite, discese…più o meno rende l’idea di quello che ha significato questo anno per me.
Gennaio: pensavo solo al lavoro per colmare ombre e paure della mia vita. Un momento in cui non so cosa avrei fatto se non avessi avuto le mie fantastiche “spalle” (e loro sanno che sono loro).
Febbraio: metto al muro un problema e me ne trovo uno nuovo che sbuca di lato.
Marzo: ho continuato a combattere per cercare di capirci qualcosa in più. Ogni cosa e ogni persona mi confondevano.
Aprile: Periodo più difficile dell’anno. Probabilmente tutto quello che è venuto dopo, l’ho deciso qui.
Maggio: tutto si spiega in poche parole. Difficile ma reale. E ho ripreso a vivere.
Giugno: l’estate. Non avrei mai permesso alla vita di non farmela godere. E per fortuna è andato tutto liscio.
Luglio: momento strano. La mia faccia sgomenta davanti alla consapevolezza che le cose possono cambiare è la cosa che ricordo meglio.
Agosto: in vacanza. E mi rendo conto che forse forse ho fatto bene a tener duro fino a qui.
Settembre: ecco. Ho iniziato a raccogliere i frutti solo in questo periodo. Altro che autunno!!!
Ottobre: è l’inizio dell’idillio. La mia vita ha iniziato a regalarmi quella traquillità che mancava da troppo.
Novembre: progetti, sogni, nottate a parlare, poco sonno e tanta, tanta voglia di fermare il tempo.
Dicembre: mi guardo indietro, mi guardo intorno. Poi mi guardo allo specchio…e mi faccio un occhiolino.

E ben…ora vediamo quello che ci aspetterà in questo nuovo anno…io sono qui. Mica scappo!

Archiviato in:amore, bilanci, capodanno, home sweet home, partenze e ritorni

Di gas e altre magie…

Io non so cosa sia quel calore che fuoriesce dai pezzi di metallo che penzolano dai muri di casa mia.
Io non so come mai l’acqua dei rubinetti non mi blocchi più la circolazione e faccia fumo caldo.
Io non so come mai se spingo e giro un piccolo pomello del piano cottura, dai buchini esce una specie di fiammella blu.

So solo che sono venuti dei maghi questa mattina e dopo qualche colpo di bacchetta magica….

….mi hanno trasportata nel XX secolo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Archiviato in:cose da pazza, felicità, home sweet home, patricia

…de duobus cordibus et una casa*…

Di tante preoccupazioni, a volte, cosa resta? Un sorriso ripensando all’ansia per l’ipotetica reazione all’evento enunciato…
Ecco cosa resta. E infatti ieri mi sento rimproverata dalla mia signora madre per eventuali vizi che il mio concubino mi concederebbe: “Mi risulta che ieri sera ti sei stravaccata sul divano dal pomeriggio fino alla seduta a tavola!”. La guardo con un solo occhio, stupito, e con l’altro mando a quel paese il traditore. Evvabbene che mi aveva detto che me l’avrebbe fatta pagare la mia pigrizia della sera prima, ma, infame, lo sai che la signoramadrevecchiostampodonnaacasa non mi permette di godere delle tue arti culinarie&aspirapolveranti! Succederebbe il finimondo se sapesse che a te spetta il tanto amato folletto e a me il lavaggio del pavimento! Che io lavo i piatti e tu li asciughi! Che io mangio e tu cucini! E no!

Tant’è. Ramanzina a 360° sui doveri simil-coniugali. E a nulla sono serviti i miei discorsi sulla bellezza della collaborazione, sull’intimità dell’aiuto che fa da collante nelle coppie…naaaaaaaaaaaaaaa…è giusto che l’omo non metta in disordine ma “Tu, regina della casa, sei una schiava, zitta e lava!”.

Non mi dilungherò sulle ritorsioni una volta giunti nell’alcova.

Comunque, lavoro permettendo questo fine settimana si fa un salto dall’altra signora madre e famiglia, che ci mancano un bel po’. E speriamo di godere di un bel sole che c’ho un freddo che “sbulletto” (il bello di avere uno straniero accanto!).

 

*Sarà che ho deciso di dare ripetizioni di latino
(e italiano e inglese e matematica e alla fine anche tutte le materie...)
ma ultimamente mi capita spesso di parlare come un Macchecicero
(un Cicerone Maccheronico). 

Archiviato in:amore, bilanci, cazzate, Funghetti Allucinogeni, home sweet home

…di thè alla vaniglia.

Non so come intitolare quello che sto per scrivere. Lo deciderò solo dopo aver messo il punto alla fine. Credo.
Sto bene. Lavoro, produco, e per questa società sono un affare perchè nonostante non possa permettermelo, continuo a consumare. Per me non è un bel periodo. Ho almeno 5 o 6 gravi problemi che non ho creato io (qualcuno mi ha ricordato che anche questo vuol dire “adultità”) , e che però mi trovo a dover risolvere senza che veda la benchè minima apparente soluzione. Mi creano ansia. Tanta.

Il freddo è arrivato portentosamente e a casa mia si battono i denti, vista la mancanza (ancora?!?!?!?!?!) di gas e quindi di acqua calda e quindi di riscaldamento…tanto che mi è venuta voglia di stirare per riscaldare l’ambiente…a breve dovremmo provvedere con una stufetta…altrimenti illudo il povero ragazzo che ho accanto di essere una casaligadisperataperfetta…ma anche no!

Intanto proseguono gli acquisti casalinghifesciondesain che tanto ci piacciono…e le nostre espressioni di vittoria quando troviamo un affarone sono inenarrabili…soprattutto per gli sguardi circospetti con i quali difendiamo fino alla cassa l’ultima confezione di 12 bicchieri griffati a quattroeuroecinquanta che secondo noi hanno sbagliato a prezzare…

Dovrò aggiornare la wisheslist per eventuali donazioni e dare un taglio pratico e non cazzaro al tutto…perchè in questo momento tra lo spazzolone del bagno figo e l’orologio da cucina in alluminio con posate al posto delle lancette, la priorità la darei al portatovaglioli…anche del mercatino dell’antiquariato, che va bene uguale!!!!! 

Questa notte abbiamo dormito male. Non so perchè ma di tre metri di letto mi ritrovavo sempre sull’orlo del precipizio di legno che circonda il materasso…e lui che verso le quattro, mi sveglia, e mi fa “Ma di Garlasco non si è saputo più niente?”…seppermetti vado a dormire sul divano, tanto per essere sicura di svegliarmi domattina!

Stamattina, usciamo di casa per andare a lavoro. Saliamo in macchina. Appena usciti dal cancello chiedo “Hai preso le sigarette?” lui “no…stamattina ho fatto tutto io: il caffè l’ho fatto io, mi sono vestito io, ho lavato i denti io, ho chiamato l’ascensore io, guido io…e mi chiedi se ho preso le sigarette???”…….eh si…….questo è il bello della convivenza. Che inizio a ridere come una cretina dei suoi scherzi fin dalle 7 del mattino…(che se scopro che non era uno scherzo ç4##1 suoi!!!).

Torno a lavoro. Che manca un’oretta e c’ho voglia di thè alla vaniglia.

 

 

 

Archiviato in:bilanci, ciociaria, Funghetti Allucinogeni, home sweet home, metereopatia, patricia

First of the month

In realtà me ne sono accorta solo questa mattina che è finito settembre e che l’inverno si avvicina. Non posso più dormire con due gocce di profumo…la mattina starnutisco in sequenze ripetute…e no…ci vuole il pigiamone…o quantomeno la copertona con le piume…
Eppoi a casa…ora funziona il lavello, la cappa, la lavatrice (l’uomo me lo sono scelto tuttofare, of course!) e abbiamo comprato anche gli stendini per il bucato…ma di gas, acqua calda e riscaldamento neppure l’ombra…così per fare una doccia calda riscaldiamo un pentolone nel forno, misceliamo l’acqua in un bombolone di plastica, e a cascata nella vasca, prima io, poi lui…”Questo periodo ce lo ricorderemo per tutta la vita!”…dice lui…si, dico io…”Per la bronchite, però!!!!”…
Il cibo…altro cruccio…mi ritrovo una signora cucina…a sei fornelli e pure il super-rapido…ma non avendo il gas…si mangia tutto freddo oppure cotto in forno…il che rende leggera ogni cosa…quindi, si mantiene la linea…(eccezion fatta per le padellate di roBBBa che la mia mamma invia in nostra direzione…ahhhhhh…..la mamma….)
Il lavoro procede…devo preparare le lezioni che mi aspettano…studiare i nuovi libri per i corsi che partiranno e aspettare tante di quelle risposte per i progetti presentati che oramai ho perso il conto.
Che dire di più?
Che canto. 
Che rido. 
Che corro intorno al divano per scappare dal solletico.
Che sto bene.

Archiviato in:amore, ciociaria, felicità, Funghetti Allucinogeni, home sweet home, patricia

“Perchè no…

…in un grande magazzino una volta al mese…spingere il carrello pieno sottobraccio a te…”

E’ esattamente così che comincerà il mio weekend…senza gas e senza acqua calda…ma…”che ce frega, ma che ce ‘mporta”

GioiaLauraBionda&Co chiamati all’appello per una cena a casa mia…stasera o forse, meglio, domani…

Che stare con le persone che amo sarà il MustToDo di questa tre giorni ciociara…

Che poi qui fanno anche delle serate carine…

Che poi magari anche Graziella ci offre valide alternative…

Che poi comunque dovrò tele-lavorare da casa…

Che poi chissehefrega…basta che sto bene!!!!!!

Bezos…

Archiviato in:amore, ciociaria, felicità, friends, gioia, home sweet home, partenze e ritorni, patricia

Cinderella….

Come sacrosantamente ha provveduto a ricordarmi qualcuno…anche i miei aveva diritto alle loro vacanze…e così in questi ultimi giorni d’agosto, mi ritrovo come Cenerentola a dover spazzare, lavare, cucinare per il mio fratellastro (appellativo che non riguarda la realtà di “sangue” ma la realtà dei fatti)…che, come si confà alla sua natura, sembra un cliente di un albergo in mezza pensione…qui ci dorme e ci pranza…per il resto mi godo la mia casetta da sola (o quasi, visto che la cucciola non mi risparmia).
Intanto preparo la mia vera vacanza…a fine settembre…
Cerco di anticipare il lavoro così da non creare problemi a nessuno, mantengo la poca abbronzatura rimasta, e poi…
Partirò…mi aspetta un lungo e strano inverno.
Da queste parti sono previsti cambiamenti importanti entro la fine dell’anno, e non posso farmi cogliere impreparata.

😉

Archiviato in:bilanci, ciociaria, home sweet home, partenze e ritorni, patricia

Weekend


coccole#2

Originally uploaded by Patricia…

…perchè non ho fatto altro che questo…giocare con la mia cucciola, stare in giardino, mangiare ciliegeamarenealbicocche appena colte, curare le mie rose…e il mio spirito…

Sarà un caso, ma oggi è lunedì e sono meno stressata del solito…

Archiviato in:bilanci, ciociaria, home sweet home, patricia

Ho capito…

…che una casa è bella quando è piena…di calore generato da un flusso di energia che parte dagli sguardi e confluisce negli abbracci…di persone che condividono uno spazio, un pensiero, un amore, una passione, una risata…e anche una lacrima trattenuta…profumo di “bene”…pulito…quasi trasparente…

è bello guardarvi ridere,scherzare,scambiarvi pensieriviteopinioni,esserci…

bello.

Archiviato in:ciociaria, come si chiama?, felicità, friends, gioia, home sweet home, mondo, patricia

…tesoriiiiiii….sono tornataaaaaa….

Mi sento un po’ GecNicolson in Sciaining…ma sono tornata davvero ad essere presente…cioè, presente qui…perchè presente lo sono semrpe stata…anche troppo…e infatti la voglia di staccare la spina e di “sparire” è solo aumentata…
Sono stata bene…il corso in Toscana è terminato e le ragazze sono state davvero deliziose…spero che tra un cazzeggio e una lezione seria, sia rimasto loro qualcosa di buono e di utile…io ce l’ho messa davvero tutta…
Domani festeggio con tutti i miei amici…serata che promette bene…spero solo di non essere cacciata dal nuovo condominio…ancora è presto…
Tornata al lavoro, a Roma, a Frosinone, agli aperitivi con le persone che conosco, ai miei genitori, alle serate in casa…e probabilmente anche un po’ alla realtà…
Dovrò farci i conti con questa realtà.
Prima o poi.

Archiviato in:bilanci, ciociaria, friends, home sweet home, mondo, partenze e ritorni, patricia, studio e lavoro, toscana

…riflessioni “venerdiane”…

Ancora devo riprendermi dopo tutte le cazzate che sono stata costretta ad ascoltare al “programma con i nei”…la nottata non poteva trascorrere serena dopo un pre-sonno del genere…così stamattina mi ritrovo più rallentata del solito…e aspetto con ansia l’aperitivo ormai abituale del venerdì sera con Gioia&Silvia…anche se oggi diluvia, sono certa che non mancheremo!!!
Anche se…dopo essermi sentita dire da mio padre che oggi sono la fotocopia della Signorina Silvani…non mi resterebbe altro che chiudermi in casa e aspettare giorni migliori…ma da ventisei anni (quasi) a questa parte…non mi ha mai detto “tesoro del papà oggi sei la fotocopia ambulante di Angelina Jolie”…quindi credo che mi farò comunque forza…
Questa settimana è stata come una scappatella extra coniugale…breve ma intensa…ed è finita prima del previsto…ovviamente sono tutte sensazioni cognitive…perchè se mi guardo allo specchio e interrogo le mie occhiaie, mi dicono la stessa cosa di mio padre…quindi…i 5 giorni lavorativi, in realtà, li ho vissuti tutti…
Fine settimana, ancora una volta, ciociaro…nessuno spostamento fuori porta…in previsioni di lunghe permanenze fuori città, cerco di restar ferma il più possibile ora che posso…probabile cinema, probabile cena da Gioia, sicuro lavoro per consegne a brevissimo termine…
ma…c’est la vie!!!!

E come canta Michael Gray…

“…I Can’t wait for the weekend to begin,
I’m working, all week long,
I dream the days away,
I wanna… sing my song
so let the music play
I have to get my fix, and fly tonight
and when the clock strikes 6, on Fri-day Night
I need to blow it all away….”

Archiviato in:ciociaria, home sweet home, patricia

Ma il cielo è blu sopra le nuvole…

…e infatti dopo un inizio di giornata nera, buia, bagnata…eccolo lui…il sole!

Sono stata a Roma per due giorni…corse, lavori, incontri, poche passeggiate che invece avrei tanto voluto fare e un’ottima cena (Gioia…d u know?!)…

Oggi tornare al mio ufficio più “stabile” e sapere che è già giovedì mi fa strano, sembra quasi che mi sia persa qualcosa…come se mi fossi sdoppiata, facendo vivere solo una parte di me e l’altra abbia dormito fino ad oggi (magari!)…comunque…

Le lezioni in Toscana si avvicinano…altro periodo di viaggi, di treni, di ore e ore a parlare, di sere senza voce, di riflessioni su quello che faccio, e anche di seghe mentali derivanti dalla mia presenza in una città che vede un’assenza…

Posso dire di aver metabolizzato la partenza di Charlie (la Nutella ne sa qualcosa).

Posso dire di aver preso impegni per i prossimi 6 mesi.

Posso dire di aver provato rabbia, disgusto, affetto, simpatia, piacere e sconforto.

Posso dire di aver vissuto.

Archiviato in:dark side, delusione, felicità, friends, home sweet home, mondo, partenze e ritorni, patricia, roma, studio e lavoro, toscana

…era lu lu lu…era dì dì dì…era lu era dì…era LUNEDI!!!!!!!!!!!!!

Che c**o…è iniziata un’altra settimana!!!

E come inizio non c’è male…shampo (in realtà è universale, diretto a tutti i collaboratori della cattedra) ricevuto via mail dall’altro prof con cui collaboro…devo organizzare un seminario (“Strumenti di Conciliazione”) che mi toccherà far partire questo mese…dobbiamo organizzare un evento che raccoglierà la partecipazione delle 30 università più grandi del mondo questo settembre a Roma…e in più ci sono gli esami (Sociologia dell’Organizzazione base + avanzato)…e poi la ricerca sul lavoro femminile atipico nella regione Lazio…e poi le lezioni da organizzare per Livorno…e poi…e poi…ma quando ci sono le prossime vacanze???

E ora a vederle scritte tutte queste cose, mi spaventano pure di più…

Il fine settimana, al contrario delle previsioni l’ho trascorso per la maggior parte runfando nel tragitto letto-divano-letto…e poi un gelatino l’ho mangiato…ho fatto un giretto sulla ruota panoramica con Azzurra, e ho comprato una serie di oggetti praticamente inutili per la mia casetta nuova…

Ora non mi resta che piangere…anzi no….sorridere…perchè se inizio ora…non oso immaginare venerdì come starò!!!

Allora Buon inizio a tutti…e consoliamoci…siamo tutti sulla stessa barca….o sotto lo stesso treno????

Archiviato in:home sweet home, patricia, shopping, studio e lavoro

…martedì…12 dicembre…

Eccomi di nuovo nella mia postazione ciociara…sono tornata ieri sera da Roma, stanca…ma soddisfatta…le due tesiste che ho seguito (non senza difficoltà) si sono laureate ed è andato tutto davvero bene…nonostante l’aspra predisposizione del presidente della Commissione…

Fine settimana a Livorno andato alla grande…(per fortuna o purtroppo?)…serate tranquille..il tempo è stato bruttissimo, ma si sà…se stai bene dentro, non c’è temporale che tenga…ho portato anche tracce di ciociaria in quel della Toscana…l’Enoteca “Forte San Pietro” (condotta dalle menti diaboliche di Ale&Dario), ha ricevuto due belle bocce di Passerina del Frusinate e di Cesanese del Piglio…dovrò pure difendere i prodotti tipici di casa mia,no???

Ho ricevuto il primo regalo di Natale!!!! E giuro…è così originale…signora Nadia e consorte, hanno ben pensato che per il primo Natale da “regina della casa” (specificando senza gas!!!) avrei potuto aver bisogno di una grattugia….e così mi ritrovo un cono di metallo bucherellato…trasformato nientemeno nella gonna di una splendida regina, con tanto di corona e scettro!!!! Devo fotografarla, così non rende affatto!!!!

Partire non è stato semplice questa volta…no…e ancora più difficile è stato tornare qui. Con la consapevolezza della mancanza. Del vuoto. Del bisogno. Della paura.

Voglio andare a “casa”…la “casa” dov’è?…la “casa” è il posto dove posso stare in pace… 

Archiviato in:amore, ciociaria, felicità, home sweet home, partenze e ritorni, patricia, toscana